Studio Dentistico Frieri > Articoli > Addio vecchia dentiera: ecco il TORONTO BRIDGE o PROTESI DI TORONTO

Addio vecchia dentiera: ecco il TORONTO BRIDGE o PROTESI DI TORONTO

Protesi di Toronto

Perchè “Addio vecchia dentiera”?

Il problema più largamente riscontrato nei portatori di protesi mobile, la comune “dentiera”, è legato alla scarsa stabilità in bocca ed all’indiscutibile disagio di dover rimuovere la protesi per l’igiene post-alimentazione.

Inoltre, in soggetti che hanno una vita di relazione professionale ed affettiva ancora attiva sussiste l’innegabile blocco psicologico di “indossare una dentiera”.

Protesi di Toronto - Toronto Bridge 1Cos’è il Toronto Bridge o Protesi di Toronto?

La Protesi di Toronto è una tecnica chirurgica implanto-protesica che permette di sostituire una intera arcata di denti mancanti con solo un minimo di 4 impianti dentali osteointegrati che sostengono una protesi fissa avvitata ad essi.

Prende il nome dall’omonima città canadese in cui fu presentata per la prima volta dalla scuola odontoiatrica svedese, e da allora ne sono state sviluppate diverse varianti, che conservano comunque la stessa idea di fondo.

 

Protesi di Toronto - Toronto Bridge 2Come si realizza?

Dopo una accurata anamnesi del paziente che escluda contoindicazioni assolute o relative all’implantologia, il dentista deve analizzare preventivamente quantità, qualità e forma dell’osso residuo con le normali tecniche radiologiche diagnostiche a sua disposizione (radiografia panoramica, Tac dentale o TC Cone Beam 3D).

Individuate le zone ossee più adatte e le delicate strutture anatomiche da evitare,il dentista può alloggiare i 4 o più impianti che sosterranno la Toronto scegliendo la tecnica chirurgica che ritiene più efficace per quel determinato paziente.

Le procedure implantologiche adottabili sono fondamentalmente distinte in base al momento della connessione impianti-protesi: ovvero, se sussistono i presupposti, la protesi provvisoria viene consegnata e subito (entro 72 ore massimo) ancorata agli impianti, in questo caso si parla di protesi a carico immediato.

Mentre se il dentista ha deciso di attendere il normale periodo di osteointegrazione, il paziente dovrà abituarsi, anche se per poco tempo, a convivere con una protesi provvisoria mobile in attesa che gli impianti siano pronti e ben saldi nell’osso per supportare i carichi masticatori (protesi a carico differito).

Una volta trascorso il corretto tempo di osteointegrazione degli impianti endoossei (in media 4-6 mesi circa) la protesi di Toronto definitiva, creata su misura dal laboratorio odontotecnico specializzato, sulle impronte rilevate dal dentista, può essere finalmente collocata nella bocca del paziente ed ancorata agli impianti stessi attraverso opportune viti di serraggio e sistemi di connessione.

 

Protesi di Toronto - Toronto Bridge 3Quali sono i vantaggi di una Protesi di Toronto?

  1. Protesi salda in bocca: nessuna dislocazione durante l’attività masticatoria o di fonazione perchè è saldamente ancorata agli impianti.
  2. Sicurezza psicologica: nessuna necessità di rimuovere la protesi x pulirla.
  3. Estetica personalizzabile: sorriso totalmente ridisegnabile (smile design) e difetti dovuti al riassorbimento osseo compensato dalle flange in resina.
  4. Risparmio economico: possibilità di avere una protesi fissa con soli 4 impianti.
  5. Sicurezza clinica: il dentista può rimuoverla in caso di problemi o per le periodiche necessarie ribasature.

In conclusione, la Protesi di Toronto permette a chi ha perso i propri denti di tornare a mangiare e sorridere con la sicurezza dei denti fissi, senza spendere una fortuna, che di questi tempi non è poca cosa.

 

Dott. Cristiano Frieri
Medico odontoiatra

Tutti i diritti sono riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.